Tagged as: Wing Chun

Il primo livello di Hoat Keng

Suhu Damaso Colasante spiegherà nel dettaglio i Tre Elementi principali per acquisire la capacità di Trasferire Energia d’Impulso (Hoat Keng), toccando brevemente gli aspetti teorici e dedicandosi specialmente a quelli pratici.

La quota di partecipazione è di 30€ per i praticanti della classe Orientation e di 25€ per i Membri dell’Elite Leadership Class.

La prenotazione è OBBLIGATORIA e sarà registrata SOLO in segreteria, in Via Francesco Di Benedetto, 414 – Roma.

Kung Fu: alta formazione

Ricerche svolte su persone che praticano arti marziali ci portano a sostenere con forza la nostra idea originaria di dare a tutti una formazione di questo tipo, per permettere di vivere meglio e con più capacità. Permetteteci una breve digressione, per capire un dato fondamentale sulla cultura occidentale.

Il corpo da noi viene inteso separato dal concetto di mente sin da Platone, che separa il mondo delle idee (èidos) da quello della materia (caos). Un altro filosofo che ha accentuato questa divisione è Cartesio, che ha distinto tra Res cogitans e Res extensa. La res cogitans è il pensiero, che può produrre le idee. La res extensa è composta invece dal mondo materiale, finito. Questa affermazione dimostra che si può acquisire una certa conoscenza di se stesso senza presupporre necessariamente una conoscenza del corpo. Tuttavia questa affermazione non implica che la natura corporea non possa far parte dell’essenza o anima di una persona.

In realtà, “Io sono il mio corpo”: è in questo superamento della scissione mente-corpo che si collocano le arti marziali, quali tecniche che possono diventare un percorso verso l’integrazione psico-somatica e la conoscenza di sé. La persona, in tutte le arti marziali, non è solo un corpo che compie movimenti e non è solo una mente che pensa o un cuore pieno di emozioni, ma è tutto questo insieme.

Questo vale anche per quasi tutte le discipline sportive nate in occidente, anche se non supportate da una filosofia così esplicita su questo argomento così come lo è la filosofia orientale. L’apprendimento e l’approfondimento delle tecniche non si riduce mai solo ad un puro esercizio fisico, ma coinvolge sempre la “mente” e il “cuore”, contribuendo alla conoscenza di se stessi e del contesto. Si pensi, ad esempio, al fatto che ogni tecnica è intrisa non solo di abilità fisica, ma anche di concentrazione mentale, conoscenza del proprio corpo, nei suoi limiti e nelle sue potenzialità, e la regolazione del proprio stato emotivo.

Il Kung Fu è un’arte marziale che ha primariamente intenti educativi e formativi della persona nella sua interezza. Non a caso si parla di VIA, un’arte, uno stile di vita, che – partendo dall’apprendimento di tecniche di autodifesa – conduce ad una conoscenza profonda e alla crescita di se stessi. La pratica, intesa come Via, è un percorso di accrescimento personale, di miglioramento di se stessi e si attua attraverso un processo di perfezionamento, che coinvolge in maniera integrata corpo-psiche-cultura e porta alla profonda accettazione di se stessi, in altre parole ad “essere”.

La “Via” non è solo un’idea astratta, ma l’orientamento di un sistema di vita e un prodotto sociale storico, permeato dai costumi, dalle religioni, dai valori collettivi. Il processo di perfezionamento in qualunque disciplina è quello della realizzazione globale della personalità in armonia con il mondo umano come pure con la natura. In questo senso, la nozione di Via è comune non solo alle arti marziali tradizionali, ma anche ad altre arti della vita di tutti i giorni. Tutte le arti a un certo livello di profondità si riuniscono in un medesimo ambito spirituale.

Possiamo individuare nella pratica del Kung Fu alcuni fattori protettivi e di crescita:

• favorisce la consapevolezza di sé e l’autostima (fiducia in sé, che non diventa prepotenza sull’altro, ma è un “umile” credere in se stessi)

• sostiene lo sviluppo delle capacità cognitive (quali, ad esempio, la capacità di autovalutarsi correttamente e di porsi obiettivi reali, la memoria, l’attenzione e la flessibilità di pensiero, connesse alla capacità di essere costanti, di sapersi organizzare nell’eseguire un lavoro e nel gestire il proprio spazio-tempo)

• sviluppa le capacità motorie (attraverso il corretto ed equilibrato sviluppo della parte destra e sinistra del corpo, migliora il coordinamento, l’equilibrio, la postura…)

• sostiene lo sviluppo delle capacità emotive (sia attraverso l’allenamento in palestra, sia attraverso confronti non collaborativi ed esami, visti come momenti di crescita che conducono alla capacità di riconoscere i propri stati emotivi e di autoregolarsi, di assumersi responsabilità personali, di esprimere in maniera non disfunzionale le emozioni…)

• sviluppa abilità sociali (apprendimento delle regole, autocontrollo nella relazione con l’altro, sviluppo del rispetto verso se stessi e gli altri).

Relativamente alla motivazione, è emerso che le persone che praticano Kung Fu sono mosse maggiormente da motivazioni centrate su aspetti interiori, rispetto a chi pratica sport di squadra, dove prevale invece l’aspetto del divertimento. Sugli aspetti di personalità, chi pratica Kung Fu ha più alti livelli di coscienziosità rispetto a chi pratica sport di squadra. E’ emerso anche che la scelta di praticare Kung Fu influenza la coscienziosità.

Alcuni risultati scientifici mostrano come ci sia la tendenza del tratto di personalità della coscienziosità a influire sullo sviluppo di una motivazione centrata su aspetti interiori. Infine, la coscienziosità e la scelta di praticare Kung Fu, considerate congiuntamente, influenzano la presenza di una motivazione centrata su aspetti interiori.

La pratica del Kung Fu in soggetti in età evolutiva contribuisce ad incrementare la “Coscienziosità” (capacità di concentrarsi, di mantenere attenzione, di assumersi impegni e mantenerli, di rispettare le regole, di essere organizzato nell’eseguire un lavoro e gestire il proprio tempo-spazio), che è un tratto di personalità che si può supporre in parte già presente in chi si avvicina all’Arte Marziale; influenza la percezione del Kung Fu come attività non solo e non tanto di sfogo o divertimento, ma come attività percepita come un modo per migliorarsi (raggiungere un benessere psico-fisico, aumentare la sicurezza in sé e accrescere la conoscenza di sé).

Maestro Riccardo Di Vito

Il pianeta Wing Chun a Roma

Il pianeta Wing Chun a Roma è davvero molto variegato. Si possono praticare diverse interpretazioni del sistema, sopratutto derivanti dal Gran Maestro Yip Man e dal Gran Maestro Leung Ting, almeno sulla carta. Abbiamo, però, diverse altre realtà e questa è una ricchezza unica per chi abbia voglia di capire differenze e similitudini tra diverse linee di discendenza.

La nostra Scuola rappresenta il Wing Chun a Roma per la famiglia Hek Ki Boen Eng Chun Pai, che ha radici a Surabaya, in Indonesia, attraverso l’insegnamento del Gran Maestro Lin Xiang Fu e del Gran Maestro The Kang Hay. Se non fosse stato per loro avremmo perso questo grandissimo tesoro rimasto incontaminato fino ai giorni nostri, nonostante tentativi mal riusciti di imitazione.

Abbiamo a disposizione più di 40 ore settimanali di pratica di questo meraviglioso sistema di Wing Chun a Roma, nella Scuola di Formazione Nazionale, ma abbiamo anche tantissimi gruppi di studio e corsi ufficiali sparsi in tutta Italia (Torino, Perugia, Ceccano, Livorno, Chiavari, Novara, Marsala, etc.), per tutte le fasce d’età e per tutte le esigenze.

La nostra Scuola non è per tutti, perché c’è una selezione importante all’ingresso, quando ci si candida ad intraprendere questo percorso: serietà, motivazione, pulizia, sono solo tre dei requisiti richiesti all’inizio. Dove non fossero presenti, la porta rimarrebbe chiusa.

Vi aspettiamo, perché chi ama il Wing Chun a Roma non può non passare a provare il Black Flag Wing Chun!

 

Il programma del Wing Chun

Il programma didattico del Wing Chun

Molti non hanno idea di ciò che possono venire a studiare praticando Wing Chun. Ecco perché abbiamo deciso di mettere un breve riassunto di quello che si può apprendere seguendo i nostri corsi nella Scuola di Wing Chun di Roma. Dopo anni di lunghe ricerche e di limature, siamo in grado di offrire una didattica seria, concepita appositamente per la crescita degli Studenti, in modo continuo e costante.

Orientation Program [Fondamenti e Basi]

Principio di Mobilità e Stabilità del Footwork e delle Posizioni HKB Wing Chun

Principio dell’Ottimo Posizionamento del Corpo in Combattimento dell’HKB Wing Chun [Facing]

Devastanti tecniche di Calci

Difesa Personale Realistica

Tattiche e Abilità nel Combattimento [Derivate dalle tipiche capacità Shaolin: Colpire, Calciare, Lanciare e Afferrare]

4 Tipi di base di Niam Jiu dell’HKB Wing Chun

Lavoro sui Colpitori

Elite Leadership Program 

HKB Hoat Keng [Energia d’Impulso] attraverso il Concetto di Distacco derivato dalla Sam Chian Po

18 Movimenti delle braccia [18 Lohan Suan Sik]

Kiao Jiu delle 3 Stelle [Braccia a Ponte]

Niam Jiu Libero [Braccia Appiccicose]

Primo Livello di Trapping nel Niam Jiu [Braccia Appiccicose]

Abilità nello Sparring

Forme dell’HKB:

Sam Chian Po: Tre Passi di Battaglia

Siauw Liam Dou: Piccolo Allenamento

Sat Si Mui: Attaccare 4 Direzioni

Elite Black Sash Program

HKB Hoat Keng Avanzato [Energia d’Impulso] attraverso il Concetto di Distacco della Sam Chian Po

Kiao Jiu delle 5 Stelle [Braccia a Ponte]

Secondo Livello di Trapping nel Niam Jiu [Braccia Appiccicose]

Abilità nello Sparring

Forme dell’HKB:

Sam Chian Po avanzata: Tre Passi di Battaglia

Siauw Liam Dou avanzata: Primo Allenamento

Hua Kun: Forma del Fiore

Ti Sam Chian Po: Tre Passi di Battaglia (Terra)

Tim Kiao: Affondare il Ponte

Master Program

Studio e affinamento dell’intero programma di studio e percorso di addestramento per Maestri

Il Programma di questa classe non è pubblico

Corsi di formazione per Istruttori di Wing Chun

Nella nostra offerta formativa abbiamo anche i Corsi di formazione per Istruttori di Wing Chun. 
1. Corsi di formazione e aggiornamento per tecnici (I, II e III Livello), che riguardano metodologia, psicologia e tecnica dell’HKB Eng Chun Kun
2. Corsi di formazione per istruttori a livello giovanile (3-15 anni)
– la metodologia dell’insegnamento
– la metodologia dell’allenamento
– i test di valutazione funzionale
– l’aspetto psico-pedagogico
– gli aspetti pratici
– chi è il bambino dai 3 in su
– la capacità di analizzare i casi particolari
– l’educazione e lo sviluppo degli schemi motori e posturali
– le capacità motorie
– la comunicazione
L’obiettivo principale è “insegnare ad insegnare”.
3. Corsi di formazione per istruttori che operano con gli anziani.
– chi è l’anziano?
– il sovrappeso e l’obesità
– le capacità motorie
– gli aggiustamenti di organi ed apparati conseguenti all’esercizio fisico
– la gestione del gruppo
– esercitazioni pratiche
Tutti i corsi sono suddivisi in moduli:
– l’educazione e l’educatore
– educare attraverso l’attività motoria e sportiva
– la gestione del gruppo
– attività pratiche
– modelli organizzativi dell’attività sportiva
– la legislazione fiscale
– la contabilità delle strutture sportive
– le figure professionali nello sport
– il marketing
– la comunicazione e la pubblicità nello sport
– i rapporti di lavoro nello sport
– internet e la comunicazione
– l’idoneità medico-sportiva
L’obiettivo è quello di migliorare il grado di preparazione di chi opera nelle società sportive, nelle associazioni, etc.

Wing Chun per tutti

Wing Chun per tutti a Roma

Nell’arco dei primi quattro mesi di vita della nostra S.S.D. IL CERCHIO A R.L. siamo riusciti ad andare incontro a quasi tutte le esigenze di chi ha chiesto di poter praticare Wing Chun in diverse ore della settimana. Non siamo riusciti a dare la possibilità di seguire lezioni all’ora di pranzo, ma…nell’ottica di poter garantire un servizio eccellente e poter sostenere il motto “Wing Chun per tutti” a Roma, dal 23 marzo partiranno corsi anche alle 13:30, dal lunedì al giovedì!
Per soddisfare le richieste di diversi tesserati, introdurremo anche altri orari di allenamento con discipline olistiche, che andranno a dare sempre maggior beneficio a chi pratica Arti Marziali e a chi vuole esclusivamente venire qui per rilassarsi e ricevere una buona educazione posturale. Non a caso ci saranno lezioni dedicata alla corretta respirazione, all’allineamento della colonna vertebrale ed agli altri elementi obbligatori per il benessere psico-fisico in giorni e orari differenti, per garantire a tutti una pratica costante e benefica.
In questa Scuola di Arti Marziali di Roma si pensa anzitutto alle capacità che le persone devono poter sviluppare attraverso l’allenamento ed è per questo che i programmi settimanali sono stati strutturati per permettere a tutti di crescere in modo proficuo e costante.  Siamo dell’idea che debba essere garantito il motto Wing Chun per tutti, perché questa pratica permette di ottenere risultati molto importanti anche in breve tempo, come testimoniano tutti i nostri Studenti.
Da lunedì 23 marzo, quindi, avremo la classe Orientation anche alle 13:30 il lunedì ed il mercoledì, mentre allo stesso orario il martedì ed il giovedì ci sarà la classe Elite Leadership, di volta in volta dedicata a Kiao Jiu, Combattimento, Forme, Difesa Personale, etc. Alle 12:30, invece, inizieranno i corsi di HKB WOMAN EMPOWERMENT, la cosiddetta Difesa Personale Femminile, dedicata a tutte le donne che hanno voglia di praticare in modo serio per imparare a difendersi, ma anche per mantenersi in forma.
Per chi ancora non lo sapesse, i nostri corsi di apprendimento per Studenti di Wing Chun si dividono in quattro percorsi successivi: Orientation – Elite Leadership – Elite Black Sash – Master. Ogni programma ha uno specifico ambito formativo, che permette a tutti gli Allievi di apprendere sempre più a fondo l’Arte Marziale che siamo onorati di tramandare. Dal punto di vista dell’offerta didattica, proponiamo lezioni individuali e lezioni per piccoli gruppi in sede o fuori sede, nonché seminari e presentazioni in ogni Scuola che ne faccia richiesta.

Seminario in occasione dell’International Wing Chun Day

In occasione dell’International Wing Chun Day, sabato 21 marzo 2015, la S.S.D. IL CERCHIO A R.L. organizza il seminario dal titolo “Drago Verde e Tigre Bianca nella Tradizione dell’Hek Ki Boen Eng Chun”, che sarà condotto dal Maestro Riccardo Di Vito (Capo Istruttore Nazionale Hek Ki Boen Eng Chun).

Il seminario avrà inizio alle ore 16:00 nei locali del nostro Centro di Formazione Nazionale, in Via Francesco Di Benedetto, 414.

Per accedere al seminario è necessario essere tesserati. Chi non lo fosse, potrà sfruttare questa occasione per farlo.

La partecipazione non prevede una quota, ma si richiede un’offerta libera da parte dei praticanti.

Tutte le adesioni vanno comunicate in Segreteria o ai seguenti recapiti:
info@ssdilcerchio.it
0664763685
3283421682

Grazie a tutti e Viva il Wing Chun!

La Scuola di Arti Marziali a Roma

Quando scriviamo che questa è la Scuola di Arti Marziali a Roma facciamo riferimento allo spirito di serietà, fratellanza e serenità che regna all’interno della struttura. Lo potete vedere nelle immagini che seguono, che ritraggono il Maestro Riccardo Di Vito ed alcuni Allievi della Scuola, riuniti per la Cerimonia della Cintura, il 28 febbraio 2015. Durante gli esami ognuno di loro ha messo tutto se stesso per dimostrare il duro lavoro svolto per raggiungere capacità speciali (il vero significato del termine Kung Fu).

Uno dei compiti più difficili per chi guida una Scuola di Arti Marziali a Roma è quello di mantenere alto il livello qualitativo degli Allievi, permettendo uno sviluppo a 360 gradi delle persone, con particolare attenzione all’aspetto psico-motorio. In molti hanno trovato giovamento dai due mesi di addestramento appena trascorsi, sia in termini di rilassamento mentale, sia nella maggiore capacità di gestione degli stati di ansia.

Alcune persone ci hanno chiesto il motivo per cui oltre agli esami pratici ci sono anche i test scritti. La garanzia di qualità della Scuola di Arti Marziali sta anche nel garantire la trasmissione di tutta la conoscenza Tradizionale attraverso lo studio della Teoria, oltreché della Pratica. Siamo davvero orgogliosi di poter garantire la preservazione, la conservazione e la trasmissione di questo sistema di Kung Fu, l’Hek Ki Boen Eng Chun (Blak Flag Wing Chun) ai posteri. Tesori del genere non vanno assolutamente persi.

 

 

 

 

 

 

Il fiore all’occhiello di tutta la nostra Scuola di Arti Marziali è sicuramente il corso di Kung Fu per Bambini. Nell’arco di un’ora, durante l’esame, tutti hanno dimostrato di aver compreso bene il senso dei giochi che facciamo insieme per migliorare le capacità cognitive e le abilità psico-motorie. Nelle 8 abilità su cui hanno lavorato negli ultimi due mesi hanno mostrato tutti di avere ottime possibilità di ottenere i pieni voti a fine anno. Ognuno di loro ha ricevuto, infatti, un certificato d’esame con la votazione su ognuna delle qualità raggiunte, ciascuno secondo gli standard qualitativi richiesti dalla classe di appartenenza (Panda, Tiger, Dragon).

Siamo molto soddisfatti del lavoro svolto da tutta la Scuola, che si conferma l’eccellenza nel campo del Wing Chun. La prova d’esame di tre degli studenti della Elite Leadership Class è stata davvero molto entusiasmante, con punte emotive davvero forti, come nel momento della proiezione a terra di uno degli Allievi più robusti dell’intera Scuola, alla quale ha fatto seguito un boato di stupore dei 127 intervenuti.

Tutti i nuovi Studenti che seguono l’Orientation Program hanno dimostrato di aver recepito gli insegnamenti con particolare cura. Alcuni hanno mostrato particolari doti tecniche, motorie e mentali, ma non è questa la discriminante che fa di una persona un artista marziale. La cosa che ci piace è vedere persone poco dotate che hanno raggiunto alti livelli attraverso il duro lavoro. Questa è la soddisfazione più grande di chi insegna. Siamo davvero molto entusiasti di aver visto persone di età, attitudini e provenienze diverse mettersi in gioco e mostrare le proprie capacità.

Ringraziamo di cuore tutti i nuovi Allievi, i Membri anziani e le Famiglie per aver partecipato, nonché per il continuo e costante supporto che ci viene dato. La nostra forza siete VOI, perché VOI siete la S.S.D. IL CERCHIO A R.L., la Scuola di Arti Marziali a Roma! Continuiamo a crescere in questo modo, con costanza, serietà e duro lavoro, in un clima sereno, amichevole e non competitivo. Un ultimo ringraziamento, ma non meno importante, va a tutti i collaboratori del Maestro Riccardo Di Vito, al caro Stefano Iogan per alcuni scatti molto ben azzeccati ed al fotografo Riccardo Lambiase, che ha scattato tutte le belle immagini che vedete qui. Chiunque volesse avere le immagini stampate in alta risoluzione si rivolgesse in segreteria.

Quando si dice Kung Fu…

Quando si dice Kung Fu…

…quando si dice Kung Fu si fa spesso riferimento a coreografie e forme in abiti esotici. In realtà, dietro a queste due parole c’è un duro lavoro per acquisire abilità speciali: questo è il vero significato di KUNG FU. Quando si assiste a dimostrazioni di sequenze come quella che segue alcune persone pensano che sia tutto frutto di effetti speciali. Vi avvisiamo, quindi, che i rumori delle braccia frustate che potete vedere ed ascoltare nel video sono reali.

 Se avete visto i film Ip Man, avrete notato quanto questo film abbia diffuso al grande pubblico l’esistenza del nostro grande sistema di Arti Marziali. Quella che segue è una dimostrazione dei 18 San Sik (十八散式), cioè alcune combinazioni dell’HKB Eng Chun [Black Flag Wing Chun], che noi chiamiamo Cap Pwee Lo Han Jiu Suan Sik (十八罗汉手散式).

In questo video dimostrativo di Wing Chun Kung Fu, il Grand Master Kenneth Lin esegue ogni San Sik con il primo livello di Shock Impulse Power conosciuto come Hoat Keng (發勁) [Fa JinFaat Ging]. Ci sono delle somiglianze con altri tipi di Kung Fu Wing Chun, come quello dell’isola di Gulao, in cui si notano 22 combinazioni (Leung Jan Wing Chun Gu Lao 22 Points).  Nel nostro Kung Fu si mette parecchia enfasi sulla forza interna.

Il primo grande successo!

 Possiamo dire di aver ottenuto il primo grande successo da quando abbiamo aperto la S.S.D. IL CERCHIO A R.L., perché il seminario del 30 novembre ha segnato una data storica per tutta la comunità del Wing Chun italiana. Il Gran Maestro The Kang Hay è arrivato direttamente dall’Indonesia, da Surabaya, accompagnato dalla moglie e dal Gran Maestro Lin Xiang Fuk (dalla California), per portare alla comunità italiana dei praticanti di Wing Chun un messaggio di pace, serenità e amicizia.

Durante la settimana di permanenza nella Capitale abbiamo ospitato Insegnanti provenienti non solo da tutta Italia, ma da tutto il mondo. Abbiamo avuto con noi il Capo Istruttore della Germania, gli Istruttori di Los Angeles, i pionieri di Romania, Repubblica Ceca, etc. Si è trattato di un evento unico nel suo genere, perché è stato il primo e l’ultimo viaggio in Europa del Gran Maestro The Kang Hay, perché ha deciso di ritirarsi dall’insegnamento, pur ammettendo il nostro Maestro Riccardo Di Vito nella cerchia più ristretta dei praticanti di Surabaya.

Il seminario di domenica ha visto la partecipazione di molti romani, come previsto, ma anche di praticanti di Wing Chun venuti appositamente da Nord e dal Sud Italia. Vogliamo ringraziare ciascuno di loro per aver preso parte ad un incontro di questo tipo, perché hanno reso possibile la realizzazione di un sogno attraverso il loro contributo. Siamo molto orgogliosi di aver mostrato un metodo di insegnamento antico, permettendo a tutti di conoscere un Maestro della passata generazione, meticoloso, incisivo e davvero bravo sia umanamente che sotto il profilo marziale.

 

 

Questo sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione del sito o confermando tramite il tasto "Accetto" ne accetti l'utilizzo. Se vuoi saperne di più: Informazioni

INFORMATIVA SULL'USO DEI COOKIE

Questa informativa sull'utilizzo dei cookie è resa all'utente in attuazione del provvedimento del Garante per la protezione dei dati personali dell'8 maggio 2014 "Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie" e nel rispetto dell'art. 13 del Codice privacy (D.Lgs. n. 196/2003). Questo sito utilizza cookie tecnici, propri e di terze parti, per consentire la corretta navigazione e per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso con l’obiettivo del miglioramento continuo del servizio.. In questa pagina sono riportate informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati e su come gestirli.


Definizioni

I cookie sono brevi frammenti di testo (lettere e/o numeri) che permettono al server web di memorizzare sul client (il browser) informazioni da riutilizzare nel corso della medesima visita al sito (cookie di sessione) o in seguito, anche a distanza di giorni (cookie persistenti). I cookie vengono memorizzati, in base alle preferenze dell'utente, dal singolo browser sullo specifico dispositivo utilizzato (computer, tablet, smartphone). Tecnologie similari, come, ad esempio, web beacon, GIF trasparenti e tutte le forme di storage locale introdotte con HTML5, sono utilizzabili per raccogliere informazioni sul comportamento dell'utente e sull'utilizzo dei servizi. Nel seguito di questo documento faremo riferimento ai cookie e a tutte le tecnologie similari utilizzando semplicemente il termine "cookie".


Tipologie di cookie

In base alle caratteristiche e all'utilizzo dei cookie possiamo distinguere diverse categorie:


Durata dei cookie

I cookie utilizzati da questo sito terminano la propria validità al termine della sessione o dopo un tempo di inattività dell'utente fissato dal server.


Cookie tecnici di terze parti

Il sito si avvale del servizio Google Analytics che istanzia cookie tecnici di tipo analytics utilizzati per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso. Tali informazioni sono utilizzate ai fini del miglioramento continuo delle funzionalità, dell’organizzazione dei contenuti, del supporto delle diverse piattaforme e browser.


Gestione dei cookie

In generale l'utente può comunque decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Di seguito si forniscono i riferimenti alle istruzioni per disabilitare i cookie nei browser più diffusi, rese disponibili dai relativi servizi di supporto:

L'impostazione può essere definita in modo specifico per i diversi siti e applicazioni web. Per disabilitare unicamente i cookie di Google Analytics è possibile procedere come da istruzioni fornite dal servizio di supporto Google:

Chiudi