Tagged as: Qi Gong a Roma

Funzione energetica delle tecniche Qi Qong insegnate

La funzione energetica delle Tecniche di Qi Qong riguarda sempre ogni “piano energetico”, riguardando l’essere umano nella sua interezza.

L’aspetto che si manifesta a livello fisico non lo trattiamo in queste righe, essendo già di per sé ben visibile e percettibile tramite la pratica, migliorando tutta la sfera fisica che riguarda la parte più materica del corpo; si sviluppa e si manifesta il  “Li”, spiegato come il “potere del corpo” che si esprime in forza, velocità, resistenza, elasticità, coordinazione e tutte le altre componenti qualitative fisiche comprensive dell’uso dei sensi fisici, nonché il miglioramento dei processi bio-chimico-fisico-elettromagnetici del corpo e la funzionalità di organi interni, ghiandole e dei vari sistemi ed apparati funzionali.

In questa sede si esprime la funzione energetica sottile delle tecniche Qi Qong insegnate dal Gruppo Tiao Hunyuan Sanbao, inerente al livello del Qi, che a livello fisico è ciò che in occidente è chiamato “ eterico” ed in India “prana”: questa energia permea tutti i piani di esistenza e per quanto ci riguarda viene “emanata” con la forma dell’energia solare come energia più influente per quanto ci riguarda; è chiamata anche con altri nomi e corrisponde alla materia sottile degli Elementi secondo la Tradizione “occidentale” mentre i “movimenti cinesi” , Wu Xing, invece sono i modi in cui questa Energia ( il Qi) opera in modo ritmico seppur mutevole, mantenendo una coerenza unitaria di base che si esprime dinamicamente e che viene espressa graficamente, nell’energetica cinese,  con una stella a cinque punte all’interno di un cerchio.

 Il “Qi” scorre nei Meridiani, che sono il nome dei flussi di energia eterica del corpo di cui si occupa la Tradizione Cinese.

Il livello del Qi riguarda lo sviluppo e la manifestazione del “Qi”, spiegato  come “ potere dell’energia” che si esprime con capacità di fare terapie energetiche senza contatto, di percepire e sentire ciò che non è materico in modo chiaro e preciso, di disporre di vitalità e capacità di ricarica e guarigione potenziate, amplifica e migliora il “Li”, agendo sia  per corrispondenza diretta col corpo fisico sia perché gli è direttamente collegato.

Gli effetti riguardano direttamente anche il piano emotivo e quello mentale, che verranno trattati in apposito documento esplicativo di sintesi. Così come gli aspetti legati alla sfera della spiritualità.

 

Di seguito l’elenco delle tecniche insegnate

con l’illustrazione sintetica della funzionalità secondo la Tradizione Energetica Cinese.

 

  • Posizione Zhan Zhuang: serve come posizione base, attiva la Piccola Rivoluzione Celeste, favorisce la presenza a se stessi, ricarica il Qi. Già di per sé è una tecnica, ed è l’equivalente in piedi della posizione del faraone e del fiore di loto. Nota: la Piccola Rivoluzione Celeste è il flusso continuo di Qi nei Meridiani Du Mai e Ren Mai, con i punti di contatto nella bocca e nel perineo. La Grande Rivoluzione Celeste si ha aggiungendo i movimenti, che fanno circolare il Qi in tutti i meridiani in maniera più dinamica.

 

  • Huodong Guanjiee: serve per scaldare le articolazioni e quindi il corpo, favorendo la circolarità e la fluidità del Qi, con movimenti accordati al respiro, al rilassamento e alla concentrazione. Scarica e rilassa mentre ricarica e tonifica.

 

  • Baduanjiing: serve per tonificare il Qi e favorirne la libera circolazione insieme a quella del Sangue (XUE) e dei liquidi ( JInye), per  “stirare, aprire e purificare” i Meridiani Energetici, in particolare i Meridiani Principali. 

 

  • Pengqiguandingfa: serve per assorbire ed interagire con la Hunyuanqi in particolare al livello dei Meridiani Straordinari, per mantenersi e guarire. Si toccano e si premono una serie di punti energetici, con movimenti di assorbimento e circolarità.

 

  • Lingzhi Shu: serve per potenziare  il corpo come vigore fisico ed il Qi come densità e quantità energetica, in particolare i Meridiani Principali  e Straordinari, richiamando la Hunyuanqi e stimolando la forza Ling del corpo,con movimenti lenti/veloci e circolari, che muovono il Qi lungo il corpo e concentrano il Qi al livello del Dan Tien Inferiore. La parte finale è una tecnica di meditazione e di ricarica energetica che fa entrare in contatto con la terra.

 

  • Xing Shen Zhuang: serve per potenziare il corpo come vigore fisico ed il Qi come densità e quantità, in particolare dei Meridiani Tendino-Muscolari e Straordinari integrando lo Shen nel corpo fisico avendo una valenza anche di Guarigione e di Meditazione. E’ una forma che appartiene al principio del “ trasformare i tendini e lavare il midollo” preparatoria e funzionale al Guan Shen, che indica “il manifestare la luce dello Shen a livello fisico”. Viene nominata come “costruire le fondamenta”, per un lavoro iniziatico, lavorando sulla colonna vertebrale ove sono importanti e fondamentali centri energetici.

 

  • Liuzi Jue : serve per riequilibrare gli Organi interni ( Zang) e i Visceri ( Fu) corrispondenti, agendo come prevenzione, cura e rafforzamento; si usano movimenti con  suoni vibrati a livello mentale, uniti alla respirazione, generando un effetto di purificazione e ricarica armonizzante chiamato “effetto spugna”.  La versione originaria riguardava il visualizzare sei ideogrammi riferiti agli organi e quindi alle logge energetiche corrispondenti, infatti era chiamata la “tecnica dei sei ideogrammi segreti” e poi successivamente venne nominata la “tecnica dei sei suoni”.

 

  • Laqi: serve per prendere contatto e coscienza col Qi, creando al tempo stesso dei campi energetici, in modo tale da ricaricarsi;

 

  • Chen Qi : serve per assorbire, tonificare e far circolare il Qi nel corpo; rinvigorisce il corpo e lo rende più forte; riguarda in particolare l’area di influenza del Dan Tien Medio ;

 

  • Chen Bi: stesse funzioni del Chen Qi, con la differenza che la posizione è a croce e non ci si muove, nonché tonifica e disperde il Qi nella chiave di Equilibrio tramite una posizione stabile ma fluida internamente, creando una stabilità energetica.

 

  • Dungqianfa: serve per equilibrare il Qi all’interno dell’organismo, regola e favorisce il flusso della Piccola Rivoluzione Celeste, cioè il flusso di Qi che scorre nei Meridiani Straordinari Ren Mai e Du Mai, con effetti di mantenimento, potenziamento, curativi e di guarigione.

 

  • Auto massaggio e massaggio: movimenti che servono per sciogliere e potenziare il Qi, per disperdere e tonificare, per entrare in contatto con Noi stessi in modo attivo; mantiene, cura e guarisce.

 

  • Zhou sha : tecnica di massaggio preventiva con asciugamano caldo, oppure con utensili idonei per frizionare la pelle e sviluppare calore. Stessi effetti del massaggio.

 

  • Gua sha : tecnica curativa che si abbina alla medicina topica, e si usano monete di rame, pettini, corni di bufalo nonché lubrificanti come acqua e/o grappa per eseguire il massaggio. Stessi effetti del massaggio.

 

  • Meditazione delle sfere: serve per lavorare sui Dan Tien e per creare campi energetici che ricaricano ed armonizzano equilibrando il Qi; potenzia il Qi e lo raffina, agendo su tutti i Meridiani Energetici.

 

Shifu Fabio Rossetti

Stage generale delle Scuole di Qi Gong

Stage generale delle Scuole di Qi Gong del Gruppo Tiao Hunyuan Sanbao, nel quale verrà introdotto l’aspetto pratico e teorico del programma di Qi Gong dello Stato Nero, come revisione, raffinazione ed approfondimento dello stesso; opportunità di conoscenza tra i membri delle Scuole del Gruppo e la conoscenza di chi opera nel Gruppo come Istruttore ed Operatore.

Si raccomanda la prenotazione entro l’11 giugno, accompagnando l’iscrizione con il certificato per attività sportiva non agonistica.

La quota dello stage è di 30€.

Benefici del Qi Gong

Benefici del Qi Gong

l Qi Gong si adatta perfettamente con la nostra vita e, nel gergo occidentale, viene definito “olistico”. Questo termine significa che quest’Arte opera sia come metodo e strumento di benessere mentale, emotivo e fisico/energetico, sia esprime i suoi effetti nel nostro modo di vivere, di percepire la vita, di relazionarci con gli altri, creando una serie di condizioni che danno molti risultati pratici e tangibili.

Nel nostro ambiente vitale, le condizioni esistenti sono quelle di un modus vivendi con elevati livelli di stress e di pressione che spesso ci porta  al limite, portandoci a bloccare e a disperdere molto tempo, molta energia, a vivere male e spesso a non saper godere della vita stessa.

Questo stato di cose comporta che il Qi (inteso in questo caso come l’insieme delle energie mentali, emotive e fisiche) diventa stagnante, bloccato e disperso, dando l’inizio a tutta una serie di squilibri e disarmonie. Quando una persona pratica gli esercizi di Qi Gong, l’energia (il Qi) comincia a fluire e si comincia a tornare ad uno stato di equilibrio dinamico.

Con la pratica costante e ritmica questo inizia ad essere un nuovo ritmo vitale che dona una serie di benefici; inoltre, così facendo, riprogrammiamo in un senso armonico i ritmi vitali, mentali, emotivi, entrando in uno stato interiore diverso, più sensibile, più forte, più allegro, più percettivo. La nostra vita si colora in maniera diversa e più luminosa, nonché divertente. Diventiamo più forti e rilassati, respiriamo correttamente e con piacere, godiamo delle emozioni in modo pieno ed equilibrato, usiamo la mente in modo chiaro e limpido.

Di seguito sono elencati una serie di benefici che attraverso il Qi Gong si ottengono, dipendendo essi da quanto e come si pratica (il ritmo e la costanza della pratica sono le chiavi per riuscire a realizzarsi):

  • miglioramento della struttura corporea: sia come postura, sia come efficienza del modo di muoversi, imparando ad ottimizzare l’uso dell’energia e delle forze attraverso la presa di coscienza pratica delle potenzialità corporee che si esprimono con le “abilità”;
  • rinforzo ed elasticità del tessuto connettivo e miglioramento della fluidità della circolazione di energia, sangue e liquidi organici;

  • aumento della coordinazione e della propriocettività;

  • rinforzo del sistema immunitario ed aumento delle capacità reattive dell’organismo;

  • abbassamento del centro di gravità così da liberare il torace da oppressioni favorendo i processi digestivi, il massaggio degli organi e dei visceri;

  • apprendimento del corretto uso del centro dell’equilibrio;

  • miglioramento del metabolismo, tra cui la fase depurativa di tutte quelle sostanze non più necessarie al corpo tramite una respirazione corretta ed una giusta sudorazione;

  • rinforzo e dinamismo dei muscoli, dei tendini, dei legamenti e delle articolazioni;

  • mantenimento del corpo flessibile anche in età avanzata;

  • espansione della precisione e della velocità dei riflessi e dell’istinto intuitivo;

  • regolamentazione, rinforzo e rilassamento del sistema nervoso, con miglioramento della capacità di gestione dello stress e dell’abilità nella pratica di meditazione;

  • calma e chiarezza mentale, rilassamento e profondità del respiro, così da garantire una migliore ossigenazione del sangue con rivitalizzazione del cervello e una conseguente maggiore capacità di concentrazione e di memorizzazione;

  • eliminazione della stanchezza ed aumento della velocità dei tempi di recupero fisico, emotivo e mentale;

  • regola la vitalità, che diventa ottimale, riducendo gli eccessi di euforia seguiti da quelli di completa depressione;

  • apprendimento della capacità di trasformare le proprie energie negative in energie positive e virtù;

  • apprendimento dell’uso dell’intenzione, dell’energia e delle forze;

  • apprendimento dell’entrare in contatto con sé stessi e con le energie naturali della Terra e del Cielo.

  • Elevazione del livello di coscienza della persona.

Shifu Fabio Rossetti

Il Qi Gong è Uno e si manifesta col Tre

Il Qi Gong è una delle Arti di provenienza Cinese che contempla una corposa gamma di principi, tecniche, forme, esercizi, conoscenze, le quali hanno in comune un lavoro di armonizzazione, potenziamento e risveglio. Questo lavoro viene focalizzato in tre modalità che:

hanno in comune la teoria energetica e la sua conoscenza , il lavoro di armonizzazione, potenziamento e risveglio, i principi di pratica poiché il centro è l´uomo nel suo essere e nel suo divenire, il quale è posto ad unire il Cielo e la Terra;

non hanno tra loro confini netti ma alcune differenze funzionali che determinano esercizi appropriati per quelle funzionalità da realizzare;

ogni modalità ha in sé le altre due e nessuna è migliore dell´altra, poiché sono tre vie che possono essere scelte a seconda delle esigenze, della volontà e degli obiettivi di chi le intraprende;

le modalità possono essere seguite in via esclusiva fino anche a seguirle tutte e tre insieme, quindi non ci sono limiti, ma scelte personali.

Queste modalità sono note come:

Medico e di Mantenimento, oppure detto anche di Guarigione, avente come obbiettivo primario la salute intesa come equilibrio delle forze e delle energie del corpo fisico , delle emozioni e dei pensieri in modo tale da: non soffrire di patologie, di potersi curare anche in combinazioni con altri metodi, di avere gli strumenti per poter affrontare stati patologici di qualunque tipo, gravità e natura, di poter vivere bene nel quotidiano e godere dei benefici di uno stato complessivo di armonia, di poter guarire e imparare tutta una serie di abilità e funzionalità spendibili nel quotidiano per ottenere una qualità di Vita elevata;

Marziale o Guerriero, noto con il nome generico di Arti Marziali, avente come obbiettivo primario l´acquisizione dello Stato Guerriero, la capacità di relazionarsi e quindi scoprire il senso profondo della Vita e del percorso dell´essere umano, lo sviluppo relazionale a livello Sociale con gli altri, il proteggere e favorire la Vita, comprendere la Morte e i suoi significati, oltre a quegli aspetti di abilità tecnica e tattica specifici e peculiari del combattimento inteso a 360 °;

Meditativo avente come obbiettivo primario la spiritualità, intesa come ricerca del divino e quindi orientato verso risveglio o illuminazione o unione con il Tao, focalizzando l´attenzione verso una comprensione ed una presa di coscienza intuitiva della Realtà intesa come insieme di Essere e Non-Essere.

Ogni modalità presenta in sé aspetti delle altre due, il Qi Gong è sempre lo stesso a prescindere da un aspetto di modo e formale di praticarlo.

Nonché occorre non confondere lo strumento con l´obbiettivo, anche perché l´essere umano è il Centro e se operiamo una sintesi, possiamo dire che il Qi Gong nei suoi tre modi consente di armonizzarsi per strutturare le energie dell’essere umano in modo da renderle funzionali ed efficienti, il che rende il Vivere migliore; così armonizzato l´essere umano può combattere e potenziarsi, laddove sia necessario,soprattutto contro se stesso; quindi scoprire la Sacralità della Vita e la comprensione della Morte che consente la presa di coscienza che tutto è uno, che ogni cosa è corrispondente e interconnessa con le altre, mentre si cerca di unire il Cielo con la Terra per andare ancora oltre.

Respirare

Uno degli aspetti più conosciuti del Qi Gong è il Respiro, inteso come modalità e tecniche di respirazione, nonché come principio con il quale vivere il quotidiano. Respirare comporta una serie di benefici per la salute, per la calma emotiva e per la concentrazione.

La respirazione mette in moto molti muscoli del corpo e la zona del respiro, essendo il tronco del corpo umano, ha due aspetti importanti: la colonna vertebrale e gli organi interni, che nella Medicina Tradizionale Cinese sono chiamati Zang-Fu (organi e visceri).

Respirare correttamente ottimizza la fluidità dei liquidi del corpo; gli esercizi di respirazione vengono impiegati ai fini della decontrazione di rigidità muscolari e tendinee del tronco, in modo tale da sbloccare le rigidità che si hanno a causa di molteplici fattori, tra cui posizioni, modi di muoversi, stati emotivi soprattutto di stress che si accumulano e persistono nel quotidiano; la pratica respiratoria aumenta la capacità polmonare e si sviluppano alcune abilità collegate alla respirazione tramite varie modalità e con varie tecniche; respirare correttamente consente di fare continuamente un massaggio ai Zang-Fu, nonché serve per far rivivere la colonna, aiutando la sua mobilità e soprattutto a decomprimere gli spazi dei nervi, che soprattutto a causa di rigidità muscolari e tendinee soffrono e si infiammano.

Il Respiro per essere corretto deve esprimersi in modo uniforme, ritmico, tranquillo e profondo, aiutando il benessere complessivo poiché agisce sia sullo stato emotivo sia sullo stato mentale. Il Qi ( energia interna ) del corpo ha un rapporto diretto col respiro, suo regolatore, armonizzatore e potenziatore, e le pratiche del Qi Qong sono state create e sviluppate al fine di rendere migliore la propria vita, di conoscersi, di potersi mettere nelle condizioni ottimali e funzionali per raggiungere ciò che si vuole, che si progetta, che si sogna, stando bene con se stessi e rendendo il corpo non un peso, ma un meraviglioso strumento a nostra disposizione.

La Scuola Tiao Hunyuan Sanbao insegna una varietà di modi e tecniche di respirazione insieme ad esercizi e tecniche di Qi Gong, avendo un programma ben articolato e progettato per un percorso funzionale e progressivo, adattabile a chiunque. Da settembre si comincia con l’Insegnante Fabio Rossetti!

Più pratica di Gruppo nel Qi Gong!

Il corso di Qi Gong è stato strutturato con un doppio appuntamento settimanale: ciò poiché il Gruppo Tiao Hunyuan Sanbao, nella figura dell’Istruttore Fabio Rossetti, condivide l’aspetto di fornire una pratica di eccellenza ed un’ampia possibilità di pratica: ciò è in linea perfetta con la nostra SSD Il Cerchio a r.l., che è il Centro di assoluta prima qualità ed eccellenza a Roma, ospitante attività di alto livello, con alti standard di sicurezza e di certificazioni normative.

Di norma il Qi Gong viene insegnato una volta a settimana, sottolineando la pratica individuale per il benessere sviluppando volontà e dedizione. Noi crediamo che per le condizioni di vita nella nostra società e per la strutturazione occidentale dell’individuo, sia importante lavorare in un luogo comune, ove, oltre che praticare ed imparare il Qi Gong, si sviluppi un aspetto di socialità importante, in modo tale da fornire, insieme ad un serio lavoro, la possibilità di relazionarsi, di confrontarsi e di praticare insieme. Questo è un ulteriore aspetto verso la direzione del benessere e del rilassamento, aspetti ricercati nella società moderna che sono diventati delle esigenze vere e proprie.

Un senso di appartenenza ad una classe di pratica migliora l’ambiente, la pratica stessa e rende i membri della classe più motivati e determinati. Inoltre, un maggiore contatto con l’istruttore consente di poter essere corretti, di poter imparare più velocemente e aumentare le caratteristiche di armonia, potenziamento e meditazione proprie del Qi Gong.

Si può scoprire una passione, una Via, un’Arte ed intraprendere anche una formazione per diventare Istruttori. Si impara a respirare, a muoversi e a concentrarsi, ad eseguire bene le tecniche di meditazione e saper eseguire bene le visualizzazioni.

Altra motivazione è il programma didattico, perché è strutturato in modo tale da fornire esercizi e tecniche che diventeranno parte integrante delle conoscenze del praticante, il quale potrà praticarle sempre, in ogni luogo e adattandole alle proprie esigenze; è composto di tecniche semplici e di tecniche più complesse: quest’ultime hanno bisogno di una pratica costante e di più tempo per essere ben apprese.

Il Qi Gong così può essere portato nel quotidiano e ogni praticante può diventare, dopo un’adeguata preparazione, autonomo nella pratica.

Si colga questa occasione a Roma, nella nostra SSD il Cerchio, a partire dal mese di Settembre 2015!

Seminario di Qì Gōng

氣功: il Qì Gōng oggi

Nella grande metropoli, in una città caotica e stressante come Roma, proponiamo un seminario di (氣功) Qì Gōng, per permettere a tutti i nostri tesserati di partecipare ad un’esperienza unica, guidata dall’Insegnante Fabio Rossetti. Il 17 gennaio, alle 15:30, potrete apprezzare una delle discipline più antiche della Cina, che vi farà toccare con mano l’energia interna e la sua potenzialità curativa.

Questo sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione del sito o confermando tramite il tasto "Accetto" ne accetti l'utilizzo. Se vuoi saperne di più: Informazioni

INFORMATIVA SULL'USO DEI COOKIE

Questa informativa sull'utilizzo dei cookie è resa all'utente in attuazione del provvedimento del Garante per la protezione dei dati personali dell'8 maggio 2014 "Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie" e nel rispetto dell'art. 13 del Codice privacy (D.Lgs. n. 196/2003). Questo sito utilizza cookie tecnici, propri e di terze parti, per consentire la corretta navigazione e per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso con l’obiettivo del miglioramento continuo del servizio.. In questa pagina sono riportate informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati e su come gestirli.


Definizioni

I cookie sono brevi frammenti di testo (lettere e/o numeri) che permettono al server web di memorizzare sul client (il browser) informazioni da riutilizzare nel corso della medesima visita al sito (cookie di sessione) o in seguito, anche a distanza di giorni (cookie persistenti). I cookie vengono memorizzati, in base alle preferenze dell'utente, dal singolo browser sullo specifico dispositivo utilizzato (computer, tablet, smartphone). Tecnologie similari, come, ad esempio, web beacon, GIF trasparenti e tutte le forme di storage locale introdotte con HTML5, sono utilizzabili per raccogliere informazioni sul comportamento dell'utente e sull'utilizzo dei servizi. Nel seguito di questo documento faremo riferimento ai cookie e a tutte le tecnologie similari utilizzando semplicemente il termine "cookie".


Tipologie di cookie

In base alle caratteristiche e all'utilizzo dei cookie possiamo distinguere diverse categorie:


Durata dei cookie

I cookie utilizzati da questo sito terminano la propria validità al termine della sessione o dopo un tempo di inattività dell'utente fissato dal server.


Cookie tecnici di terze parti

Il sito si avvale del servizio Google Analytics che istanzia cookie tecnici di tipo analytics utilizzati per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso. Tali informazioni sono utilizzate ai fini del miglioramento continuo delle funzionalità, dell’organizzazione dei contenuti, del supporto delle diverse piattaforme e browser.


Gestione dei cookie

In generale l'utente può comunque decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Di seguito si forniscono i riferimenti alle istruzioni per disabilitare i cookie nei browser più diffusi, rese disponibili dai relativi servizi di supporto:

L'impostazione può essere definita in modo specifico per i diversi siti e applicazioni web. Per disabilitare unicamente i cookie di Google Analytics è possibile procedere come da istruzioni fornite dal servizio di supporto Google:

Chiudi